SEZIONE AGGREGATA DI SAN POLO D'ENZA
I soci del gruppo ANMI di Reggio Emilia residenti nel comune di San Polo d'Enza, spinti dal desiderio di diffondere i grandi valori della marineria, il 22 Novembre 1998 danno vita alla sezione aggregata.

Lo spessore etico dei Marinai di San Polo non tarda ad ottenere riconoscimenti di alto valore da parte dei concittadini e delle autoritą locali.

Il forte legame che si costituisce tra l'uomo il mare e la nave, spinge il socio Remo Valdessalici - delegato della sezione -  a richiedere al momento del disarmo della  Nave Corvetta "Salvatore Todaro", sulla quale aveva trascorso tre anni della sua onorata carriera nella Marina Militare, una delle due ancore, con il desiderio di farne un monumento nella propria cittą.

Ironia della sorte a San Polo sorge il monumento ai marinai proprio a pochi passi dalla casa natale di Remo Valdessalici, un monumento disegnato dal fratello del Remo e custodito dal figlio Antonio.

La Sezione di San Polo rimane sempre vigile ed attenta a fornire un onorabile contributo alla societą Sampolese, prendendo spunto dal motto di "Nave Vespucci", - il simbolo d'eccellenza della Marina Militare Italiana -  "Non chi comincia ma quel che persevera" in occasione del festa delle Forze Armate del 4 Novembre 2011, portano un nuovo contributo alla loro Cittą.
[4 Novembre 2011 a San Polo d'Enza]
San Polo d'Enza Monumento ai Marinai
14082008
valdessalici padre e figlio
4-nov-09-marinai-3-gruppo-marinai-6
Inaugurazione monumento san polo
Doveroso Riconoscimento della Stampa locale
La Corvetta "Salvatore Todaro" getta l'ancora a
San Polo d'Enza
Corvetta Todaro
ANMI Reggio Emilia
Gr. M.B.V.M. Andrea ASSALI